Il boss della camorra Francesco Schiavone si pente

0
24

Il capoclan dei Casalesi, Francesco Schiavone, dopo 26 anni ha scelto di collaborare con la giustizia. Noto come Sandokan e detenuto all’Aquila in regime di 41bis, deve scontare diverse condanne tra cui quella all’ergastolo del maxi processo  Spartacus. Nel 2018 fu il figlio Nicola, il primo della famiglia, a pentirsi. La decisione di Francesco Schiavone, secondo gli inquirenti, potrebbe anche essere un messaggio destinato all’esterno, contro la riorganizzazione del suo clan camorristico.