Governo tra MES e patto di stabilità

0
186
governo giorgia meloni
(foto ADNKronos)

Patto di stabilità e ratifica del Mes: sono i dossier europei che impegnano l’Italia alla vigilia del Consiglio europeo del 14 e 15 dicembre. Meloni ne riferirà alle Camere nelle prossime ore. “Nella trattativa per riformare il patto di stabilità ci sono spiragli per una soluzione seria” ha detto ieri la premier ribadendo la principale richiesta dell’Italia: escludere le spese per gli investimenti richiesti da Bruxelles dalle voci che compongono il debito. Più complesso il capitolo Mes: l’Italia è l’unico paese a non aver approvato la riforma del meccanismo di stabilità e ne blocca l’entrata in vigore creando non poche tensioni con Bruxelles. Se Meloni e Forza Italia puntano a giocare la carta della ratifica per ottenere di più sul patto di stabilità, la Lega resta su posizioni più nettamente contrarie. Il voto sulla ratifica slitterà dunque probabilmente al prossimo anno. All’attacco le opposizioni: “sul Mes Meloni in un vicolo cieco dal quale non sa uscire”. Intanto è corsa conto il tempo sulla manovra: Atteso per oggi in commissione Bilancio del Senato l’ultimo maxi- emendamento del Governo. Il testo è atteso in aula il 18 dicembre e non passerà alla Camera prima del 22-23: i tempi per l’approvazione entro l’anno sono dunque strettissimi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here