La Cina sviluppa nuove forze produttive

0
61

“Nuove forze produttive di qualità”, neologismo citato per la prima volta dal presidente cinese Xi Jinping nel settembre scorso, è diventato la parola più calda durante la sessione annuale dell’Assemblea Popolare Nazionale, supremo organo legislativo cinese. Xi ha sottolineato nuovamente il concetto quando ha partecipato a una sessione deliberativa con i colleghi parlamentari della provincia del Jiangsu, nella Cina orientale, chiedendo la necessità di creare un nuovo modello di sviluppo economico basato sull’innovazione e tecnologie avanzate. Il giorno 6 ha visitato i membri del Comitato Nazionale della CCPPC, l’organo politico consultivo della Cina, cogliendo anche l’occasione per estendere gli auguri a tutte le donne alla vigilia della Festa Internazionale della donna.

Il giorno precedente, il premier cinese Li Qiang, presentando i lavori previsti per il 2024 nel rapporto di lavoro governativo, ha espresso l’intenzione di promuovere un’economia mondiale aperta e a beneficio di tutti i Paesi. “La Cina sta lavorando sull’obiettivo di transizione energetica, osserva Thorir Ibsen, l’ambasciatore islandese in Cina, aggiungendo che la cooperazione bilaterale con la Cina si concentra sempre più sui settori legati al clima, all’ambiente e all’industria energetica.